Politica

Augusta, nuovo assetto dei gruppi consiliari d’opposizione

AUGUSTA – Con il nuovo anno, si sono riorganizzati sei dei nove consiglieri d’opposizione all’amministrazione Di Mare, mentre i tre del Movimento 5 stelle rappresentano in aula un saldo blocco partitico dall’inizio della consiliatura. Così il rimodulato gruppo consiliare di “Nuovo patto per Augusta“, annunciato con una nota stampa nel fine settimana, fa seguito al nuovo gruppo, reso noto un mese fa, del “Centro democratico popolare“.

Dopo le defezioni a cavallo dell’estate scorsa rispettivamente di Peppe Montalto e Peppe Assenza, passati in maggioranza, parzialmente bilanciati dal passaggio agostano all’opposizione di Manuel Mangano, giacché è rimasta ferma la vecchia norma (in vigore sia col consiglio comunale a 30 che con l’attuale a 24) che impone il numero minimo di tre consiglieri per costituire gruppo, alcuni consiglieri d’opposizione son dovuti transitare per l’eterogeneo gruppo misto.

Adesso il gruppo che reca il nome della lista civica principale a sostegno dell’ultima corsa al ballottaggio dell’ex sindaco Pippo Gulino, “Nuovo patto per Augusta” appunto, è composto dallo stesso ex primo cittadino, da Milena Contento e da Giancarlo Triberio tornato capogruppo.

Nella foto, in primo piano: Giancarlo Triberio

Continueremo ad operare nel rispetto del ruolo di controllo sull’operato di questa amministrazione, non condividendone la maggior parte delle azioni fino ad ora intraprese – sottolineano i tre nella nota congiunta – in coerenza con il nostro impegno di opposizione ed in costante collaborazione con gli altri gruppi consiliari di minoranza“.

Siamo disponibili a dare voce alle istanze di tutti i cittadini. Restiamo a fianco di tutti quei cittadini che non hanno creduto agli slogan inneggianti ad un futuro migliore per la nostra città e sosterremo quella parte produttiva, sociale ed economica della nostra comunità rimasta delusa dalle troppe promesse non mantenute – aggiungono – Riteniamo cruciale ed un importante punto di svolta per il nostro territorio, la necessità di cogliere al volo l’opportunità offerta dai fondi Pnrr, per i quali non ravvisiamo novità salienti che restituiscano ad Augusta la centralità che merita, né tanto meno si ravvisa che questa amministrazione  abbia intrapreso una strada di sviluppo innovativo. Servono meno pacche sulle spalle più pragmatismo, perché amministrare una città come la nostra non può essere ridotto a tagli di nastri e post di annunci per ogni documento, ma di reali azioni partendo dal depuratore, rete idrica e fognaria, servizi sociali adeguati, nonché una visione di sviluppo economico duraturo che guardi alla transizione ecologica come un’opportunità“.

Lo scorso 11 gennaio, altri tre consiglieri d’opposizione si riunivano per dare vita a “Centro democratico popolare”, segnatamente i due consiglieri di area forzista Corrado Amato e Mariangela Birritteri insieme a Manuel Mangano, di Italia viva, designato capogruppo.

Nella foto, da sinistra: Corrado Amato, Mariangela Birritteri, Manuel Mangano

Il gruppo nasce dall’intesa formatasi nei mesi trascorsi insieme, tra i banchi dell’opposizione di palazzo San Biagio, e permetterà la condivisione di idee, progettualità e analisi delle criticità presenti nel territorio cittadino – facevano sapere attraverso il comunicato congiunto – Vi era la necessità di creare un progetto politico capace di ascoltare le tante istanze dei cittadini che, a ragione, ritengono le azioni dell’amministrazione comunale inadeguate e carenti sotto parecchi punti di vista. Il nostro agire comune ci renderà liberi di valutare ogni singolo provvedimento, sempre e solo, nell’interesse della nostra amata Augusta“.

Centro democratico popolare apre le porte a tutti i cittadini oltre che agli interessati alla politica locale distanti dagli estremismi, populismi, nonché provincialismi e che vogliano dare il loro contributo ad un progetto politico che proponga costantemente nuovi impulsi di visione e prospettiva politica regionale, nazionale ed europea – questa l’enunciazione di principi – Il nostro gruppo si colloca in un’area politica moderata che ci permetterà di garantire al meglio il ruolo di rappresentanza che gli elettori ci hanno affidato e che svolgeremo attraverso un’azione attiva e propositiva volta al bene della comunità, indicando l’interesse dei cittadini quale principale obiettivo“.

Per completare il quadro dell’attuale opposizione, i tre consiglieri pentastellati Roberta Suppo (capogruppo), Marco Patti e Chiara Tringali hanno fatto parlare di sé un paio di settimane fa per aver depositato una interrogazione a risposta scritta e orale che riguarda l’area militare di Punta Izzo, dopo alcune indiscrezioni di stampa seguite dall’intervento atto a precisare da parte della Marina militare.

È nota la valenza paesaggistica, naturalistica e archeologica di quel sito, che tutti conosciamo, ma che è chiuso alla fruizione dei cittadini perché zona militare – hanno scritto – la quale, per lungo tempo, oltre che per gli stabilimenti elioterapici del suo personale militare e civile, è stato utilizzato anche per esercitazioni militari, insistendo su di esso un poligono di tiro“.

Con l’interrogazione, chiediamo al Sindaco e alla Giunta comunale se sia possibile avviare concretamente un tavolo di confronto con il Comando della base militare – questa la proposta del gruppo consiliare del M5s – atto a sottoscrivere un protocollo d’intesa per procedere all’eventuale bonifica e consentire la fruizione pubblica, opportunamente regolamentata, del sito eco-culturale di Punta Izzo“.

(Nella foto di repertorio in copertina: una seduta di consiglio comunale monotematico, marzo 2021)


La Gazzetta Augustana su facebook

Le Città del Network

 

Copyright © 2023 La Gazzetta Augustana.it
Testata editoriale iscritta al ROC con numero 25784
Direttore responsabile: Cecilia Casole
PF Editore di Forestiere Pietro - P. IVA 01864170897

Copyright © 2015/2023 PF Editore

In alto