News

Augusta, Società augustana di storia patria già proiettata alle iniziative 2020

AUGUSTA – La Società augustana di storia patria chiude il suo secondo anno di fitte attività culturali nel territorio. Attività, definite nel bilancio di fine anno dal presidente del sodalizio, Giuseppe Carrabino, “finalizzate a restituire dignità alla storia e alla tradizione della nostra Augusta“.

Questa realtà culturale annovera attualmente ben 470 soci tra fondatori, onorari, benemeriti e sostenitori, che hanno consentito di organizzare con successo, per venire agli ultimi mesi, le seconde edizioni del “Festival della storia patria – storie e Storia di Augusta“, tenuto tra ottobre e novembre, e “Il Natale ad Augusta tra storia e tradizione” fatto di appuntamenti fondati su un itinerario attraverso i vari siti della città che esprimono il tema della Natività.

Prodotto editoriale d’eccellenza è il Bollettino della Società augustana di storia patria, giunto al numero 4-2019, presentato lo scorso 11 ottobre in un partecipato incontro nella chiesa delle Anime Sante (nella foto di copertina).

Carrabino, tracciando il bilancio di fine anno in una lettera ai soci, sottolinea in tal senso il “largo consenso anche in ambito accademico” riscosso dalle iniziative della Società di storia patria, nonché le numerose collaborazioni con le associazioni e le scuole cittadine. La più recente, in quest’ultimo ambito, la partecipazione al Pon dell’Istituto superiore “Arangio Ruiz” chiamato “Potenziamento della cittadinanza europea”, con due incontri rispettivamente sulle vicende che hanno interessato Augusta nel primo e nel secondo conflitto mondiale e un terzo momento con la visita guidata al Museo della Piazzaforte.

inserzioni

Elencare le attività proposte nel corso dell’anno è anche questo motivo di orgoglio, da gennaio a dicembre – scrive Carrabino per fornire un quadro d’insieme – conferenze, incontri, convegni, concorsi, premi, restauri, concerti, la seconda edizione del Festival della storia patria, nonché visite guidate e la celebrazione di importanti avvenimenti quale le giornate in onore dei fratelli Orso Mario e Epicarmo Corbino e la giornata nazionale del folklore sotto l’egida della presidenza del Consiglio“.

Guardando al 2020, il presidente del sodalizio culturale preannuncia: iniziative per il centenario della nascita dell’augustano Max Corvo, con il patrocinio dei servizi di intelligence statunitensi e promosso in collaborazione con i Comuni di Augusta e Melilli; per il centocinquantesimo anniversario dell’eclissi solare del 22 dicembre 1870, con un programma di appuntamenti che ha già ricevuto il logo del Comitato nazionale per il bicentenario di Angelo Secchi; un evento in collaborazione con il giornalista Carmelo Miduri sul tema di una pagina inedita della storia locale del dopoguerra; la presentazione del primo numero della collana “Scrinĭum”, che costituisce il catalogo della mostra sul fotografo augustano Pietro Ronsisvalle, con una raccolta di immagini e documenti di grande interesse storico e antropologico.

Ricordiamo infine che nell’attuale consiglio direttivo della Società augustana di storia patria, oltre al presidente Carrabino, figurano il vice presidente Salvatore Romano, la segretaria Carmela Mendola e i componenti Corrado Di Mauro, Fabio Granata, Gabriele Ragusa, Pinuccio Ramaci e Cristina Rossitto.

 


scuolaopenday
In alto